Regolamento

Tutti coloro che partecipano, a vario titolo, alle assemblee virtuali onLine, si impegnano a rispettare i 10 principi della “Carta della Partecipazione[1]” (Vedi Carta illustrata).

Unitamente al seguente set di regole di comportamento come organizzazione di base dei processi di partecipazione:

1. Proponente: l’atto iniziale è libero sia sui temi che sui tempi a discrezione dei cittadini e/o dei politici, con la sola condizione dell’accettazione dei Principi della “Carta della Partecipazione” e delle presenti regole di svolgimento degli eventi. Non accedono agli eventi onLine le problematiche in corso di atti giudiziari.

2. Moderatori/Facilitatore: Civil Voice individua, in forma random, il responsabile (facilitatore/moderatore/garante) della manifestazione/processo che identifica e comunica sinteticamente gli obiettivi e poi gestisce tutto il processo partecipativo secondo le presenti regole; L’attività del Moderatore è soggetta alla valutazione finale dell’evento.

3. Referente politico: il Facilitatore individuerà il responsabile politico UNICO del progetto, del piano e/o della gestione, gli darà la facoltà di partecipare con uno spazio da lui auto-gestito.

4. Inclusi/invitati: il Facilitatore aiuta il proponente ad invitare via web (Tel/email/sms/facebook, ecc.) i cittadini strettamente interessati, le loro eventuali associazioni, le parti sociali, i politici di maggioranza e di minoranza, i professionisti ed esperti del settore, gli operatori economici e a tutti coloro che sono sensibili agli impatti attesi. Gli eventi sono sempre aperti a tutti gli interventi esterni senza localizzazione geografica.

5. Materiali iniziali: il Proponente con l’aiuto del Moderatore/Facilitatore fornisce prima dell’evento assembleare i dati di cui si discuterà (carte, relazioni, dati scientifici) in un linguaggio non tecnico, e quindi comprensibile ai cittadini invitati. Tali dati faranno riferimento a quelli presenti, per obbligo di legge, sui siti istituzionali degli Enti pubblici. È compito del Facilitatore richiedere che gli Enti rispettino gli obblighi di legge di informazione e trasparenza.

6. Obiettivi assemblea: Il Proponente, con l’aiuto del Facilitatore/Moderatore,  esplicita inizialmente il singolo obiettivo dell’assemblea che può essere in alternativa scelto fra uno solo dei seguenti:

a. Informativo di un dato progetto o servizio;

b. Consultivo su possibili alternative del progetto o servizio;

c. Progettuale e quindi con possibilità di modifiche del progetto o servizio (nel caso appositamente richiesto dal politico gestore);

7. Negoziazione assembleare e verbale finale: Il responsabile Facilitatore tenderà ad una negoziazione degli interessi in gioco e chiuderà (entro max 30 gg) l’evento con una sintesi scritta, pubblicata sul web,  che riporti il punto di negoziazione raggiunto nell’assemblea, ed annoveri anche tutte le problematiche e i valori espressi dai singoli cittadini.

8. Auto valutazione risultati: I partecipanti saranno invitati ad effettuare l’auto-valutazione, del processo di partecipazione, anche in tempi e modi non riferiti all’assemblea stessa e valutano anche la perfomance del Moderatore.

Clicca quì per il sito di Civil Voice amministratore

[1] http://www.inu.it/la-carta-della-partecipazione/     (INU, AIP2, IAF, Cittadinanzaattiva, Italia Nostra, Città Civili)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile, per salvare la sessione dell’Utente e le pagine preferite e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, Si ricorda che tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi